Green pass cosa c'è da sapere
Come spostarsi,  Consigli

Green Pass: tutto quello che c’è da sapere

Negli ultimi giorni tutti parlano della famosa Certificazione Verde che servirà a far ripartire gli spostamenti in sicurezza e a rilanciare la stagione turistica estiva 2021. Vediamo insieme tutto quello che c’è da sapere. 

Che cos’è il Green Pass/Certificazione Verde?

La Certificazione verde COVID-19, EU digital COVID certificate (più comunemente chiamata Green Pass), è un documento che nasce per agevolare la libera circolazione dei cittadini dell’Unione Europea. 

Il Pass contiene un codice a barre bidimensionale (QR code) emesso soltanto dal Ministero della Salute, che con la sua “firma” ne garantirà l’autenticità e potrà essere richiesto da:  

  • i vaccinati. Le informazioni contenute nel QR Code dei vaccinati saranno il nome del prodotto vaccinale somministrato, indicazione del fabbricante, del numero di dosi effettuate e della data di vaccinazione; 
  • le persone guarite dal Covid-19. Le informazioni contenute nel QR Code saranno le date del risultato positivo e negativo al test, nome del soggetto che ha rilasciato il certificato, data di emissione, data di scadenza. 
  • tutti gli altri. Il QR Code attesterà la negatività al test (NAAT/RT-PCR o antigenico rapido), data ed ora del test, il nome del centro dove è stato effettuato il test.
 

Il Green Pass a cosa servirà?

Suddividiamo lo scopo di questo certificato in base all’ambito territoriale: 

  • dal 17/06, in Italia, il Green Pass permette gli spostamenti in ingresso o in uscita da regioni o zone rosse e arancioni. Ciò vuol dire che per spostarsi tra zone gialle o bianche al momento non è necessaria alcuna certificazione. Inoltre, in Italia, la Certificazione può essere richiesta per partecipare a matrimoni, feste, concerti, eventi e per accedere alle RSA. 
 
  • dal 01/07, in Europa, il Green Pass permetterà di viaggiare liberamente tra i 27 stati membri dell’UE e altri 4 paesi che sono: Svizzera, Islanda, Liechtenstein e Norvegia. 

Consiglio SEMPRE di controllare gli aggiornamenti prima di partire, sia che sia un viaggio nazionale, in questo caso controllate il sito regionale della vostra destinazione, sia che sia un viaggio internazionale, controllate su siti affidabili: 

Come fare ad ottenerlo?

Dopo la vaccinazione, la guarigione da COVID-19 o un test negativo, la Certificazione viene emessa in automatico.

Quando il Ministero rende disponibile la Certificazione riceverete un sms o una mail (i dati dovrebbero essere quelli comunicati al centro vaccinale/ospedale/medico/clinica) con un codice di autenticazione (AUTHCODE) da utilizzare al momento del download. 

Importante: Il Governo ha comunicato che riuscirà a caricare tutti i dati sulla piattaforma entro il 28/06, al momento non sono tutti disponibili. Niente panico! vi siete per esempio vaccinati a gennaio 2021? verranno caricati tutti gli attestati. Nel frattempo, fino al 28/06, in Italia potrete ancora utilizzare i documenti cartacei rilasciati dai centri, dagli ospedali e dalle cliniche. 

Dopo questi primi due passaggi, ora non ci resta che scaricare il documento da

  • il Sito del Governo, accedendo con identità digitali come SPID o CIE (carta di identità elettronica), oppure accedendo con tessera sanitaria o documento d’identità più uno dei quattro codici univoci ricevuti:
  1. tampone molecolare (CUN) 
  2. tampone antigenico rapido (NRFE)
  3. certificato di guarigione (NUCG)
  4. codice autorizzativo, per esempio inviato per le vaccinazioni (AUTHCODE)  
  • il fascicolo elettronico con le modalità previste per la vostra regione. Qui vi lascio qui il link di quello della regione Lombardia
 
  • App Immuni inserendo i dati della di tessera sanitaria più uno dei quattro codici univoci ricevuti come per il Sito del Governo. 
 
  • App IO. In questo caso la modalità è leggermente differente, sarà necessario infatti accedere una volta all’app con SPID o CIE (in questi giorni aggiornate l’app, se l’avete già scaricata in passato), dopo di che riceverai una notifica ogni volta che un certificato, intestato a te, sarà disponibile. Aperta la notifica sarà sufficiente scaricare il QR CODE senza l’utilizzo di altri codici
In caso di necessità, i medici di medicina generale, i pediatri e le farmacie potranno aiutarvi a scaricare il vostro QR CODE con le loro credenziali. 
 
App IO
App Immuni
Quale validità avrà il Green Pass?

Al momento non è ancora chiarissimo questo punto, perchè si stanno ancora studiando i dati clinici e perchè l’Europa su questo non ha ancora trovato un vero accordo. Rimane quindi il consiglio di verificare sempre cosa prevede il vostro paese di destinazione (vaccinazione completa, somministrazione sola prima dose etc) sui siti che vi ho riportato sopra. 

Per ora quindi sappiamo che il certificato di:  

  • guarigione da Covid-19 ha validità di 6 mesi
  • negatività al tampone molecolare ha validità 72 ore
  • negatività al test rapido ha validità 48 ore

In caso di vaccinazione, la Certificazione:

  • della prima dose dei vaccini che ne richiedono due sarà validita dal 15° giorno dopo la somministrazione fino alla alla seconda dose. Attenzione: l’Italia si, non tutti i paesi UE accettano solo la prima dose, per questo motivo vi consiglio sempre di verificare sui siti governativi.
  • della seconda dose o dose unica per pregressa infezione avrà validità di 270 giorni (circa nove mesi).
  • della somministrazione dei vaccini monodose sarà valida dal 15° giorno dopo la dose e avrà la validità di 270 giorni (circa nove mesi).
Green pass e minorenni?

Anche questo è un tema ancora spinoso, suddividiamo: 

  • bimbi e bimbe sotto i 6 anni di età potranno avere il Green Pass come i genitori/tutori e saranno esentati dall’effettuare tamponi
  • bimbi e bimbe dai 6 anni ai 12 anni potranno ottenere il Green Pass, ma dovranno effettuare il tampone
  • bimbi e bimbe sopra i 12 anni, potranno ottenere il Green Pass praticamente con le stesse modalità degli adulti.
Quanto costa il Green Pass?

I Green Pass saranno gratuiti.  Sarà importante comprendere però se i test PCR/tamponi avranno prezzi ragionevoli in Europa.
 

Protezione dei dati personali

Tra i dati personali contenuti nel certificato ci saranno dati medici sensibili quindi dovrà essere garantito un livello di sicurezza e protezione dei dati altissimo. Tutto è stato regolamentato in base al parere congiunto del Garante europeo della protezione dei dati e del Comitato europeo per la protezione dei dati.  

…e per i viaggi in paesi extra europei?

Purtroppo al momento non è prevista una regola e una modalità che valga per tutti i paesi. Sui siti sopra consigliati trovate però chiare indicazioni da seguire in base alla destinazione. 

Vi faccio l’esempio dei viaggi da e verso UK, perché qualcuno di voi mi ha già chiesto info:

  • rientro da UK: i viaggiatori proveniente dal Regno Unito dovranno presentare l’ esito negativo del tampone Covid-19 effettuato entro le 48 ore prima dell’arrivo e quarantena obbligatoria di 5 giorni.
  • verso UK: i viaggiatori in arrivo nel Regno Unito dovranno presentare l’esito negativo del tampone effettuato nelle 72 ore precedenti, registrarsi sul sito, effettuare una quarantena di 10 giorni in Covid Hotel o indirizzo privato (con tampone obbligatorio al 2° o al 8°). La quarantena può essere ridotta a 5 giorni se sottoposti ad ulteriore tampone a pagamento con esito negativo al 5° giorno.

Maggiori informazioni le trovate sul sito, vi anticipo che UK non cita nel proprio regolamento il completamento vaccinale. 

Riassumendo la Certificazione al momento pare essere uno strumento di “facile utilizzo, non discriminatorio e sicuro”  che servirà a garantire che ogni paese dell’Unione Europea non adotti arbitrariamente azioni individuali, per rendere ulteriormente difficili, se non impossibili, gli spostamenti dei cittadini europei. 

Il Green Pass è comunque una misura temporanea, sembra infatti che sarà sospeso una volta che l’OMS avrà dichiarato la fine dell’emergenza sanitaria internazionale Covid-19.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments